‘o nonno

mercoledì, maggio 26, 2010
By gennaro pezone
gennaro@gennaropezone.com

‘Na casa viv’  n’armonia,
pe’ ‘nu viecchio ‘ca sta ‘ncumpagnia.
N’anima chiena d’esperienza,
pare che tena ‘a sapienza.

‘A faticat’ pe’ ‘na vita,
c’è rimasta poca allegria.
Però campa pe’ n’appuntamento,
come l’ammore, ‘nu sentimento.

‘L’ ride ‘o core a fine mese,
pe’ ‘na pensione fatta d’offese.
Nun ‘s’ lamenta ra sustanza,
l’offende nata cosa: ‘a spartanza.

‘S’ corre appriess’ ‘a sta pensione,
addà cumincià ‘a distribuzione.
Chest’ ti dà ‘na vita d’assistenza,
pe’ ‘nu piatto cuotto ‘cu l’indifferenza.

Povero viecchio, aspiett’ nata cosa,
‘nu piezz’ ‘e pane ra ‘na mano generosa.
‘T’ sbagli, pur’ ‘nu figlio campa ‘co difetto,
si piglia ‘a pensione ma nun t’ dà l’affetto!

One Response to “‘o nonno”

  1. Rosa

    Se un figlio potesse tornare con la mente al passato, o meglio se ci fosse una telecamera perenne pronta a registrare tutte le rinunzie, le ansie e i sacrifici di un genitore per suo figlio ma anche i momenti di gioia, penso proprio che mostrerebbe un affetto sincero e smisurato nei confronti di chi l’ha messo al mondo quando costui è ormai avanti con l’età. Purtroppo siamo “meccanismi” difettosi, la nostra memoria è labile e diventiamo sempre più avari d’affetto, trascurando proprio chi ne ha più bisogno. A volte la vita è proprio ingiusta, sigh, sigh!

    #97

Leave a Reply

Current day month ye@r *

Cerca nel Sito

Calendario Storielle

maggio: 2010
L M M G V S D
« apr   giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Commenti Recenti